Pagine

domenica 26 gennaio 2014

Aprire in caso di necessità ❤️

Emozioni, sensazioni, immagini che fanno stare bene, sono una grande ricchezza per il cuore ... 
In una parentesi, che io chiamo CREATIVITÀ DISIMPEGNATA,  ho cercato di eseguire un progetto, che mi permettesse di fissare le emozioni del momento ... Emozioni che ora sono INVERNALI .
Amo l'inverno.
In contrasto con la mia data di nascita, sento che il tepore della casa mi abbraccia ... Avverto il benessere del rientro in famiglia dopo una giornata di lavoro ... Mi rilassano le luci sommesse delle giornate grigie ... Mi rassicurano i gomitoli di lana, ferri e uncinetti, sparsi un per la casa ... 
E come raccogliere e conservare le sensazioni di calore e di benessere che mi accompagnano durante la stagione fredda ?
Un ritaglio di cotone leggero ... Poche gugliate di filo da ricamo ... Una matita per fissare un'immagine carina .
Ecco un sacchettino , semplice, senza alcuna pretesa di ricami, 
Però con una funzione importante ... Potrà contenere le emozioni e le sensazioni di ABBRACCI CALOROSI, che io amo molto.
APRIRE IN CASO DI NECESSITÀ ❤️



domenica 19 gennaio 2014

Metti PIOGGIA e LANA ...

Metti un bakuts di buona lana italiana, goduto per più inverni... Metti che si faccia strada l'idea di un riciclo ... Ecco che parte l'azione .
Baktus lavorato a punto legaccio, morbido e caldo, che ho sostituito con altre sciarpe e che intendo riutilizzare, trasformandolo, perciò DISFO .
Il prezioso arcolaio di mia mamma é indispensabile per permettermi di riutilizzare la lana in modo adeguato .
Una serata davanti alla TV e all'arcolaio e cinque matasse sono pronte per essere lavate... La lana tornerà come nuova ...
MA PIOVE, PIOVE, PIOVE da giorni ... 
Non è proprio possibile pensare di stendere in casa, cinque 
matasse di lana, inzuppata e gocciolante.
Che fare, se non usare I RICORDI e fare di necessità virtù ?

Mi sono ricordata di aver visto, qualche volta, mia mamma, 
" RADDRIZZARE " la lana riciclata, con il ferro da stiro.
Non usava il ferro a vapore, se lo creava, usando un panno bagnato sopra la matassa che tamponava con il suo ferro pesante ... 
Anch'io ho messo un panno, però asciutto perché il ferro a vapore fa la sua funzione ... E credo proprio che l'esperimento sia riuscito ... Ora, pioggia e lana possono andare d'accordo e io posso progettare un nuovo lavoro.

domenica 12 gennaio 2014

Le amiche di tastiera ...

Primo lavoro del 2014 che diventa anche lo spunto, per augurare un ANNO MIGLIORE per tutti ...
Casualmente prima creazione rossa... ho recuperato la lana dal mio tesoretto... L'idea me l'ha offerta, una amica di tastiera, Anna Bruno, che generosamente condivide la sua bella creatività .

Un gomitolo di lana che ho messa doppia per renderla più consistente ... Uncinetto numero 6.
Ho iniziato con 54 catenelle chiuse a cerchio e ho lavorato a punto alto, preso dietro , aumentando 4 punti in ogni giro, in modo  da formare come un motivo " raglan " 

La lunghezza l'ho determinata in base alla quantità della lana...
Aggiungo che negli ultimi 20 giri, non ho aumentato.
Devo dire che sono soddisfatta del risultato... Indossata è calda e mi lascia libertà di movimento .
Posso indossarla sotto o sopra il cappotto ...
È un abbraccio simpatico.
Grazie ancora per la condivisione , così è proprio arricchirci reciprocamente di esperienze creative .